Cambiamonoi, l’adesione di Sel alla campagna referendaria

Cambiamonoi

Il referendum è uno strumento di democrazia diretta che chiama i cittadini a scegliere su tematiche concrete e precise. In un momento in cui la politica non riesce a prendersi la responsabilità di affrontare questioni cruciali del nostro paese che rimangono inevase, è essenziale la presa di parola dei cittadini.
Per questo Sinistra Ecologia Libertà ha deciso di appoggiare i referendum Cambiamonoi promossi da associazioni e partiti, in particolare i Radicali, su quattro quesiti fondamentali (il quinto, quello sul finanziamento pubblico ai partiti, abbiamo deciso di non sostenerlo perché materia oggetto di decreto da parte del governo e molto delicata).
La raccolta firme è iniziata il 7 giugno e per poter presentare i referendum servono 500.000 firme da raccogliere in 3 mesi.
I quesiti che abbiamo deciso di sostenere affrontano questioni importanti, dall’immigrazione alla politica in materia di droghe, dal divorzio breve all’8 per mille: battaglie di civiltà e libertà di scelta dei singoli cittadini.
Immigrazione: abrogazione delle norme che ostacolano il lavoro e il soggiorno regolare [Link]
Appoggiamo con convinzione i quesiti su lavoro e immigrazione perché riteniamo fondamentale abrogare il reato di clandestinità, inutile e dannoso, e regolarizzare quel mezzo milione di migranti che lavorano in nero e in condizioni spesso schiaviste (che portano, tra l’altro, una mancata entrata di tre miliardi di euro di contributi persi dallo Stato), spesso ricattati dalla malavita organizzata.

Decarcerizzazione delle violazioni per fatti di lieve entità della normativa sugli stupefacenti [Link]
Il quesito elimina quelle norme che riempiono le carceri di consumatori, evitando la pena detentiva per fatti di lieve entità, mentre resterebbe la sanzione penale pecuniaria. Permetterebbe di svuotare le carceri e porre le basi per la fine del fallimento del proibizionismo: mentre il fatturato delle mafie arriva a 30 miliardi di euro, le carceri si riempiono di piccoli spacciatori con costi enormi per lo Stato.

Divorzio breve [Link]
In un Paese dove circa un milione di famiglie deve attendere 4 anni per un divorzio consensuale e 10 per uno giudiziale, il referendum elimina i tre anni di separazione obbligatoria prima di chiedere divorzio, la cui domanda potrebbe essere fatta contestualmente alla separazione. In questo modo si ridurrebbe il carico giudiziario e sociale connesso alla durata dei procedimenti di divorzio.

Libertà di scelta nella destinazione dell’otto per mille [Link]
Il quesito mira a restituire l’effettiva libertà di scelta ai cittadini: se approvato la quota relativa alle scelte non espresse sull’8xMille (attualmente più del 50% del totale, circa 600 milioni di euro l’anno) rimarrebbero in capo al bilancio generale dello Stato, in modo che possano essere spesi per finalità generali e a sostegno dell’economia e non più ridistribuita alle confessioni religiose a pioggia.

Battaglie di civiltà che abbiamo deciso con forza di sostenere e per le quali vi chiediamo di attivare tutti i livelli del partito, di sostenere e partecipare attivamente alla raccolta referendaria in prima persona o contattando i comitati locali.

Francesco Forgione
Responsabile nazionale Democrazia, Legalità e Giustizia

Marco Furfaro
Responsabile nazionale le Precarietà, Movimenti, Migranti

email

2 risposte a Cambiamonoi, l’adesione di Sel alla campagna referendaria

  1. [...] Domani 29 giugno, dalle ore 9,30 alle 12,30, presso il mercato dello Stadio e domenica 30 giugno, dalle 9.30 alle 12.30, in Colle Aperto, Sinistra Ecologia Libertà allestirà dei banchetti per la raccolta firme per i referendum della campagna “Cambianonoi”, inerenti a Decarcerizzazione delle violazioni per fatti di lieve entità della normativa sugli stupefacenti, Divorzio breve, Libertà di scelta nella destinazione dell’otto per mille, Abrogazione delle norme che ostacolano il lavoro e il soggiorno regolare. Tutte le informazioni a questo link. [...]

  2. [...] Ai nostri gazebi troverete materiale informativo e sarà possibile partecipare alla raccolta firme i referendum della campagna “Cambiamonoi”, inerenti a Decarcerizzazione delle violazioni per fatti di lieve entità della normativa sugli stupefacenti, Divorzio breve, Libertà di scelta nella destinazione dell’otto per mille, Abrogazione delle norme che ostacolano il lavoro e il soggiorno regolare. Tutte le informazioni a questo link. [...]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>