“Contro la corruzione”, OdG approvato al Congresso

Congresso BG Featured image

Ordine del giorno approvato dal 2° Congresso provinciale di Sinistra Ecologia Libertà Bergamo.
Primo firmatario: Luciano Ongaro

CONTRO L’EVASIONE, LA CORRUZIONE E L’INEFFICIENZA DELLO STATO

Il cancro politico, sociale, morale ed economico del nostro paese è la grande evasione fiscale da un lato, e dall’altro la corruzione e l’inefficienza dello Stato. Una cancrena che ha invaso di conseguenza anche la società civile.
La nostra Corte dei Conti ha calcolato in 180 miliardi di euro all’anno la evasione, in 80 miliardi il costo della corruzione politica. Incalcolabile il costo della inefficienza economica indotta da evasione e corruzione. Il costo delle opere pubbliche nel nostro paese è doppio e talvolta triplo che in ogni altro paese europeo e le opere crollano come in Sardegna. E’ l’ammontare del nostro debito pubblico in questi venti anni.
Lo Stato italiano non appare più in grado di svolgere la sua funzione di regolatore del sistema, fornitore di servizi, redistributore della ricchezza. Il nostro debito pubblico è ancora in aumento e le nostre risorse sono assorbite nel pagamento degli interessi sul debito pubblico.
In questo paese si è rotto l’antichissimo patto tra stato e contribuenti, la Magna Charta Libertatum, da cui è nato lo stato moderno capitalistico: lo stato garantisce protezione, assistenza, salute e istruzione e il contribuente grantisce il suo contributo.
Corruzione ed evasione fiscale si alimentano e giustificano a vicenda, da venti anni Il principe e protagonista di questa azione perversa è Silvio Berlusconi, evasore e corruttore insieme, ancora troppo seguito su questa strada, anche dopo dalla esclusione dal Parlamento, da una parte ancora troppo consistente di elettori che si riconoscono nella evasione e nella corruzione come sistema di vita.
Dobbiamo essere consapevoli che il nostro paese è vicino al fallimento.
E’ necessaria una rivolta politica e morale, diretta non solo alla classe politica, ma anche alla società civile, ancora spesso complice di questo sistema, come evidente negli ultimi episodi del Comune di Roma.
L’azione della sinistra è stata troppo debole e timorosa, spesso reticente nella denuncia, nella azione e nelle proposte per iniziare questo risanamento, lasciando che la protesta e l’insofferenza di milioni di persone si incanalasse nelle forme asociali, egoistiche del grillismo.
SEL deve assumere questo impegno, della pulizia e risanamento dello stato dalla corruzione, e della rivolta morale ed economica anche nella società civile come suo progetto politico, su cui aggregare di nuovo tutte le forse della sinistra, radicali e riformiste.
SEL ritiene che lo Stato sia ancora il più grande «bene comune» che deve essere salvaguardato e potenziato, per accompagnare la riforma morale ed economica della società civile, per dare senso alle parole di giustizia, libertà e difesa del mondo in cui viviamo che costituiscono i nostri ideali.

Luciano Ongaro
Damiano Bettinaglio
Dimitri Lioi

email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>