Comunicato Stampa – Primo Consiglio Comunale

SEL - Consiglio Comunale

Con il primo Consiglio Comunale, svoltosi mercoledì 25 giugno, si è proceduto alla elezione del Presidente del Consiglio Comunale, alla presentazione della Giunta e del programma.

Sul primo punto Sinistra Ecologia Libertà, dopo la propria rinuncia a tale carica, ha espresso il proprio voto favorevole alla persona di Marzia Marchesi, pur facendo proprie le critiche di Patto Civico alla eccessiva preponderanza di cariche del PD nella rappresentanza del Governo della Città.

Sul secondo punto della composizione della Giunta , che ha visto Sinistra Ecologia Libertà al centro dell’attenzione nei giorni immediatamente precedenti, ha ribadito nella prima seduta la propria riserva circa la composizione politica che il nuovo Sindaco, Giorgio Gori, ha voluto dare alla nuova Giunta.

Rimangono ferme le forti critiche già avanzate alla esclusione dalla giunta di una forza politica che ha svolto un ruolo essenziale, prima nelle primarie e poi nella campagna elettorale alla sua elezione.

SEL, con il suo 2,05% ha dato un contribuito decisivo a costruire quel vantaggio del 3% al primo turno e che si è concretizzato con la vittoria al secondo turno, nel quale è stato svolto un lavoro prezioso, portando e riportando al voto anche tante persone dell’elettorato di sinistra che non avevano votato al primo turno.

Non avere tenuto conto di tali considerazioni ed aver applicato un criterio «Cencelli» nella formazione della Giunta, è stato, lo ribadiamo un grave errore politico.

Sinistra Ecologia Libertà rimarrà nella maggioranza, auspicando tuttavia la correzione di quell’errore politico, per la realizzazione del terzo punto affrontato nella seduta del 25 giugno, il programma di governo della Città.

Il ruolo con il quale affronteremo questo compito sarà un ruolo critico, di verifica dell’attuazione del programma di governo, che il Sindaco ha esposto nella prima seduta del Consiglio Comunale e che abbiamo contribuito a redigere, proponendo anche attivamente delle integrazioni costruttive.

Bergamo Città Aperta ai nuovi diritti di cittadinanza e di famiglia; Bergamo aperta alle persone e chiusa alle automobili per essere vivibile e sostenibile; Bergamo che valorizza le risorse umane, degli anziani, dei giovani e delle donne; Bergamo che risparmia e valorizza le proprie risorse naturali, i beni comuni dell’acqua, dell’aria, del suolo e dell’energia; Bergamo che deve fondare il suo sviluppo, anche economico, sull’arte e la cultura; Bergamo che sviluppa nuova coesione sociale, garantendo la sicurezza ma non la paura per il diverso alimentata dalla cultura razzista e xenofoba.

Questi sono i punti sulla cui attuazione vigileremo e promuoveremo azione politica, a partire dalla raccolta firme per il Referendum del 3 luglio, abrogativo del Fiscal Compact che attanaglia anche il nostro ente locale imponendo il “Patto di Stabilità” che riduce gravemente le risorse per la spesa pubblica, che facciamo nostro.

email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>