Consiglio comunale di Bergamo, la seduta del 14 luglio

SEL - Consiglio Comunale

Nella seduta del Consiglio comunale di Bergamo del 14 luglio sono stati affrontati alcuni temi “sensibili” del dibattito politico cittadino: la questione della “sicurezza”, quella dell’omotransfobia e quella dei luoghi di culto islamico.
Sul primo punto proposto dal solito odg della Lega, la posizione di SEL espressa dal Consigliere Ongaro è stata quella di negare che esistesse un l’“urgenza” di questo problema, indebitamente amplificato in chiave xenofoba dalla Lega. Il PD, per bocca dell’Assessore alla sicurezza Gandi, ha ritenuto invece di affrontare il tema, chiarendo che tutte le misure di sicurezza chieste dalla Lega nell’odg erano già state attuate. La maggioranza emendava l’odg della Lega togliendo tutti i riferimenti xenofobi e la richiesta al governo di cessazione dell’operazione “Mare nostrum” e approvando le misure di sicurezza richieste. SEL approvava gli emendamenti ma si asteneneva sull’odg della Lega ritenendo comunque eccessivo l’allarme prospettato e le misure di sicurezza richieste.
L’altro tema dell’omotransfobia è stato affrontato da un odg di cui i primi firmatari erano Nicola Eynard del PD e Luciano Ongaro di SEL, odg che chiedeva di ribadire pubblicamente la posizione antiomotransfobia del Comune di Bergamo anche con “banner” sul sito dello stesso Comune, in riferimento al reiterarsi di movimenti e azioni omofobiche anche in Città (le “Sentinelle”) contro la Legge Scalfarotto. La minoranza chiedeva la cancellazione di questi riferimenti politici per poter dare voto favorevole sul resto. Anche la Lista Gori manifestava dei dubbi sul punto. La posizione di SEL è stata ferma nel ritenere necessario mantenere tali riferimenti legislativi e politici, che davano senso all’odg , pur proponendo una modifica che cancellava un giudizio ritenuto eccessivo dalla Lista Gori, quello di ritenere “liberticida” di per sé qualsiasi opposizione alla Legge Scalfarotto, modifica poi trasfusa nell’emendamento Riccardi. La maggioranza manteneva quindi i riferimenti politici dell’odg votandolo unitariamente, mentre l’opposizione, compreso il M5S si asteneva.
SEL si dichiara molto soddisfatta del risultato che ha dissipato ogni equivoco circa la posizione del Comune di Bergamo.
Quanto alla legittimità dei luoghi di culto islamici, oggetto di interpellanza della solita Lega, SEL prende atto con soddisfazione della posizione della Giunta che ha ribadito la legittimità di tali richieste e l’impegno di trovare rapidamente una soluzione a questa questione di civiltà elementare.

email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>