“Stop Austerità”, costituito il Comitato promotore. Dove e quando firmare

Referendum fiscal compact

Si è costituito anche a Bergamo il comitato promotore della campagna referendaria “Stop austerità”, per coordinare l’attività di informazione e la raccolta firme. Ne fanno parte Vittorio Armanni (PRC), Massimo Cortesi (ARCI), Pierluigi Costelli (PD), Gino Gelmi (SEL), Andrea Giudici (PRC), Giuseppe Mascoli (CGIL), Roberto Mazzetti (ARCI), Giacomo Pessina (CGIL), Claudio Piro (SEL), Matteo Rossi (PD).

DOVE POTER FIRMARE
Sono già stati organizzati banchetti per la raccolta delle firme:

• alla Festa Democratica di Treviglio dall’1 al 18 agosto
• alla Festa di Coesione sociale – Giochi di LiberaEtà a Castione della Presolana il 5 agosto dalle 10 alle 15
• alla Festa in Rosso di Liberazione di Torre Boldone dal 15 al 24 di agosto
• alla Festa provinciale di SEL Adelante! di Lovere dal 19 al 21 agosto
• al Festival del Benessere Olistico al Parco Turani di Redona il 31 agosto
• alla Festa di Toolbox CGIL al Polaresco il 5 settembre
• alla Festa in Rosso di Castelli Caleppio-Quintano dal 10 al 14 settembre

Altri momenti di raccolta firme saranno comunicati non appena definiti. Saranno attivi dei banchetti anche presso alcuni circoli Arci:
• Arci provinciale, via Quarenghi 34 Bergamo
• Circoli Arci di: Grumello al Piano, via Gorizia 17; Maite in Vicolo Sant’Agata 6 (Città Alta); Associazione Barrio, via Ferruccio dell’Orto 20 Bergamo

È importante segnalare ai cittadini che è possibile recarsi a firmare anche presso il proprio comune di residenza.

La dichiarazione di Gino Gelmi: “Sinistra Ecologia Libertà Bergamo aderisce al Comitato promotore ‘Stop Austerità Bergamo’ perché è consapevole che le richieste italiane, ben pubblicizzate da Renzi, ma poco efficaci nei risultati, non troveranno ascolto, visto che gli assetti politici dell’Europa, sostenuti dall’accordo tra PPE e PSE, si pongono in continuità con chi ha governato finora. Il nostro obiettivo è che l’Europa dell’austerità cambi la sua politica economica e finanziaria. Inoltre SEL sostiene questa importante raccolta firme perché ritiene che, vista l’inerzia del Parlamento, solo una mobilitazione popolare attraverso un referendum può togliere alcuni punti della legge n. 243/2012 che rendono particolarmente stringenti quei vincoli di bilancio che ostacolano la ripresa economica e il rilancio dell’occupazione in Italia”.

La dichiarazione di Claudio Piro: “Promuovere e sostenere la costituzione di un comitato territoriale Stop Austerità anche e soprattutto nella nostra provincia è fondamentale per SEL, perché valorizza tanto del lavoro di sensibilizzazione sul tema, fatto sul territorio e nei Parlamenti, sia italiano che europeo. Si tratta tuttavia di quesiti di non semplice intuizione, tecnici e specifici, ma che colpiscono realmente e pesantemente la vita di tutti i giorni delle persone. 
Per consentire, infatti, all’Italia e all’Unione Europea di dare nuovo slancio all’iniziativa economica, rilanciando una politica finanziaria e sociale che sostenga e promuova nuova occupazione e servizi ai cittadini, è fondamentale dire SÌ. Quattro SÌ. Così come era stato per il referendum dell’acqua per i quali ci davano tutti già per spacciati, anche questa volta noi ce la metteremo tutta e raccoglieremo le firme. Potremo raggiungere il traguardo soltanto se ci faremo sentire e ci daremo una mano tutti insieme”.

email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>