Italcementi, SEL: Governo riconosca Cassa integrazione a lavoratori

Federazione Bergamo

Il Gruppo parlamentare di SEL (Sinistra Ecologia e Libertà) in data 27 ottobre 2015 ha inviato una lettera al Ministro del Lavoro Giuliano Poletti chiedendo di riconoscere la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria complessa alle Lavoratrici e ai Lavoratori del gruppo Italcementi.

Ribadendo il giudizio politico negativo sulla riduzione degli ammortizzatori sociali contenuti nel JOBS ACT (insieme di norme che penalizzano i lavoratori a vantaggio delle imprese), il gruppo di SEL ribadisce che i lavoratori del Gruppo Italcementi rientrino tra i destinatari della possibilità di proroga della cassa integrazione guadagni straordinaria previsti dalla norma transitoria contenuta nel decreto n.148 del 2015.

Dopo aver presentato un’interrogazione parlamentare al governo il giorno 4 agosto, dopo aver spedito una lettera di sollecito al Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi in data 20 ottobre per incontrare la dirigenza di HeidelbergCement a seguito delle proposte avanzate dalle OO.SS. e dal Coordinamento Nazionale delle RSU, la lettera spedita al Ministro Giuliano Poletti completa il coinvolgimento dei dicasteri competenti nella complessa vertenza.

Ora il governo non ha nessun alibi: deve garantire la protezione sociale delle persone, deve esplicitare una sua idea di politica industriale nel comparto del cemento e nella filiera delle costruzioni e deve collaborare con le istituzioni territoriali per perfezionare una proposta a difesa del patrimonio di conoscenze professionali presenti in Italia nel settore.

Il tempo a disposizione si sta esaurendo, come ha dimostrato la discussione politico sindacale sviluppata nell’assemblea pubblica dei Lavoratori di Italcementi svolta in città il giorno 23 Ottobre u.s.

SEL ritiene, come in tutte le crisi occupazionali, il riconoscimento degli ammortizzatori sociali sia un prerequisito per consentire di affrontare la discussioni sul futuro dell’azienda e sulla garanzia dei livelli occupazionali che urgono risposte. Senza assicurare alcuna protezione sociale o non dare certezza sulla protrazione degli ammortizzatori sociali nei confronti dei lavoratori della Italcementi indebolisce l’azione i lavoratori e il movimento sindacale nella trattativa con l’azienda.

La Federazione provinciale di SEL di Bergamo considera questa vertenza di estrema importanza e invita tutti i vari soggetti a non sottovalutare la portata di questa operazione che potrebbe impoverire il nostro territorio, la Regione Lombardia e il paese Italia di un fattore fondamentale per il futuro produttivo.

Il Coordinamento Provinciale di Sinistra Ecologia Libertà
Federazione di Bergamo

email

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>